Presentato al VII Congresso della Cisl Fp di Roma Capitale Rieti il Bilancio Sociale 2020

Il bilancio sociale offre uno sguardo sull’insieme delle attività svolte dalla Cisl Fp Roma Capitale Rieti dell’anno 2020, al fine di rendere conto ai nostri stakeholder – in primo luogo agli scritti e alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi pubblici dei nostri territori – dell’utilizzo e della distribuzione delle risorse umane, economiche e strumentali che ne hanno sostenuto l’agire quotidiano.0

Abbiamo deciso di elaborare e pubblicare questo lavoro per ragioni ben precise, che vanno al di là di una celta di trasparenza che pure riteniamo imprescindibile.

La Federazione di Roma e Rieti presenta infatti peculiarità tali da costituire allo stesso tempo un laboratorio uno specchio dell’attività sindacale sul territorio.

Intanto perché tiene insieme il “gigantismo” amministrativo e istituzionale della Capitale con la “dimensione umana” della provincia reatina. Come a dire che in una stessa organizzazione convivono le due anime del Paese, la metropoli italiana per eccellenza e il territorio dei cento campanili.

Il centro esatto della presenza dello Stato, con la sua misura storica, culturale, artistica e religiosa, e il modello diffuso di una amministrazione pubblica ramificata nelle città e nei centri più piccoli, dove i servizi pubblici innervano le realtà locali.

E poi perché la Cisl Fp Roma Capitale Rieti, primo sindacato in termini di iscritti e rappresentatività, è il soggetto che più di tutti è chiamato a dar voce e gambe ad una vera e propria comunità di professionalità e competenze.

Di saperi ed esperienze. Di identità e di appartenenze. Una comunità che in una società liquida come quella del nostro tempo, si ritaglia il ruolo di grande (e spesso unica) rete di protezione per chi in questo contesto lavora e per chi nello stesso contesto conta sulle articolazioni, sulla tutela e sulle opportunità dello stato sociale.

Da qui l’idea, che ci ha accompagnato e ci accompagna, di rappresentare la cartina di tornasole delle dinamiche che contraddistinguono e muovono il modello e la struttura del nostro welfare.

Stampa